Messico, giornalisti contro il governo e lo spionaggio informatico del CISEN

558319245fdfe83630bd168f_1434666954755

Messico, giornalisti contro il governo e lo spionaggio informatico del CISEN

Città del Messico – Giornalisti, attivisti e difensori dei diritti umani. Tutti uniti contro il governo messicano, reo di aver acquistato e utilizzato Pegasus, il virus che con un solo click permette di entrare in possesso dell’universo delle informazioni presenti sugli smartphone: localizzazione, rubriche, registrazioni audio di telefonate, video, foto, messaggi istantanei, posta elettronica fino alla combinazione di tasti schiacciati dall’utente.

Per questo una denuncia presentata alla procura speciale sui reati contro la liberta’ di espressione: tra il 2015 e il 2016, circa 15 persone potrebbero essere state vittime del reato di intercettazione illegale di comunicazioni private, fattispecie che prevede una pena tra i 6 e i 12 anni di prigione.

Il software, commercializzato dalla compagnia israeliana Nso Group, e’ stato comprato da almeno due agenzie del governo messicano: la Procura generale della Repubblica e la segreteria per la Difesa nazionale.

Ma si sospetta che il Pegasus sia in uso anche dai servizi segreti

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...