USA: PRONTA ARMA LASER DA ELICOTTERO

1017685478

WASHINGTON – L’esercito statunitense e Raytheon hanno completato un test di volo di un sistema laser ad alta energia su un elicottero di attacco Apache AH-64 che è stato giudicato positivo, secondo una dichiarazione Raytheon.

Il recente test di White Sands Missile Range, New Mexico, “segna nella storia come la prima volta che un sistema laser integrato è riuscito a colpire un bersaglio da un velivolo a motore rotante su una vasta gamma di regimi di volo, altitudini e velocità dell’aria” dichiara in una nota la Società.

Raytheon ha detto che il test ha raggiunto tutti gli obiettivi primari e secondari che mostrano un laser ad alta energia, o HEL, in un elicottero di attacco in grado di fornire prestazioni ad alta risoluzione e sensori di targeting multiband e propagazione del fascio.

Per la prova, Raytheon ha accoppiato una variante del sistema di targeting multi-spettrale – un avanzato sensore infrarosso elettro-ottico – con un laser, secondo quanto dichiarato. Il MTS fornisce informazioni di targeting, consapevolezza situazionale e controllo del fascio.

Il laser ha calibrato ed indirizzato autonomamente l’energia su un “numero definito” di bersagli, ha aggiunto Raytheon.

Il test, secondo la società, sarà anche utile per guidare il futuro sviluppo dei sistemi HEL dai dati raccolti relativi alla vibrazione, alla polvere e al rotor downwash sul controllo e la direzione del fascio laser.

“Questa raccolta di dati dimostra che siamo sulla buona strada. Combinando i sensori sperimentati di combattimento, come il MTS, con molteplici tecnologie laser, possiamo portare questa capacità al campo di battaglia più presto, piuttosto che in seguito”, Art Morrish, vice presidente di Concept Avanzato E tecnologie per Raytheon Space e Airborne Systems, ha dichiarato in una nota.

I PRIMI TEST SONO DI DERIVAZIONE NAVALE

La stessa tecnologia sulle navi da guerra invece è in fase di aggiornamento dalla Boeing che è stata anche premiata dall US Navy con un contratto di 29,5 milioni dollari per progettare e sviluppare un cosiddetto “sistema di controllo del fascio” per fornire accuratezza per le armi laser di navi da guerra degli Stati Uniti.

Inizialmente, le armi laser vennero montate e sperimentate a bordo delle unità navali a causa del loro peso e notevole ingombro. A seguito dello sviluppo delle nanotecnologie, tali fattori sono stati ridotti ed ottimizzati rendendo così possibile l’impiego anche nel settore aereo.

1200px-laser_weapon_system_aboard_uss_ponce_28afsb28i29-1529_in_november_2014_280529

“Le innovazioni Boeing nel controllo del fascio e le tecnologie energetiche dirette sono le chiavi per la comprensione delle configurazioni di sistemi di armi laser che potrebbero produrre una capacità per la Marina nel loro ambiente marittimo”, ha affermato Peggy Morse, Vice Presidente del Boeing Directed Energy & Strategic Systems (DESS). dichiarazione ufficiale.

Va notato che il Pentagono sta investendo nelle tecnologie laser fin dagli anni ’60. Tuttavia, ci sono voluti quasi mezzo secolo prima che l’esercito americano ottenesse risultati tangibili nel campo.

Le fonti dei media riferiscono che nel 2009 la Marina americana per la prima ha rilevato e eliminato un UAV (veicolo aereo senza pilota) con l’aiuto del sistema di armi laser (Laws Laser Weapons System – LaWS).

Il sistema è stato testato nel corso degli anni e alla fine è stato dichiarato operativo nel 2014. Contemporaneamente, nell’aprile 2011, i test di uno stato solido e di alta energia laser eseguiti dall’Ufficio di Ricerca Navale (ONR) e da Northrop Grumman si sono rivelati di successo, Quando una nave di superficie mobile equipaggiata con il dimostratore laser marittimo (MLD) ha seguito e messo in fuoco diversi piccoli bersagli di imbarcazione senza equipaggio. Notevolmente, le armi laser hanno sparato più di 35 volte, utilizzando solo l’elettricità della nave.

Il sistema di armi laser (LaWS) è testato a bordo del bacino di trasporto anfibio USS Ponce durante una dimostrazione operativa, mentre viene impiegato nel Golfo

Secondo il comunicato stampa di Boeing, la società “ha realizzato inoltre un prototipo di un sottosistema di controllo ad alta potenza (HP BCSS) compatibile con laser ad alta efficienza (HEL) basato sulla tecnologia SSL”. La soluzione di Boeing sarà compatibile anche con i sistemi sviluppati da altre società che collaborano con l’ONR.

di MAVERICK F.A.

fonte qui.

 

VIRIN-100608-N-0001S-001.JPEG.jpg: The Naval Surface Warfare Center Panama City Division (NSWC PCD) conducts the first flight of Developmental Testing II-E, Phase 1 for the AN/AES-1 Airborne Laser Mine Detection System (ALMDS) on June 8, 2010. Photo by Da

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...